CAMPIONATO ITALIANO C&R DI SPINNING IN LAGO 2017

CAMPIONATO ITALIANO C&R DI SPINNING IN LAGO 2017 : QUANDO L’ETA’ NON CONTA

 

Si è svolto lo scorso weekend sul Lago di Corazzano in provincia di Teramo il campionato italiano individuale catch & release di pesca a spinning in lago.
Questo campionato introdotto in calendario dalla Federazione lo scorso anno è riuscito in 12 mesi a triplicare il numero degli agonisti iscritti, passando dai 40 dello scorso anno ai 120 di questa seconda edizione organizzata dalla A.s.d. Teramo Spinning.
La competizione si è svolta con il rilascio immediato del pescato e a gironi eliminatori, tra i 120 Garisti con un età media di 30 anni, anche 15 minorenni, i quali sorteggiati senza alcuna distinzione di età o categoria hanno iniziato la gara al mattino suddivisi per estrazioni su 24 settori da 5 concorrenti.
E’ stato un campionato lungo e avvincente, dove la preparazione tecnica non era sufficiente per arrivare fino in fondo, gli atleti dovevano saper gestire anche lo stress di una competizione ad eliminazione e scontro diretto.
Alla fine nel pomeriggio con il felice stupore di tutti i presenti, tra i 4 finalisti si sono piazzati 3 giovanissimi ragazzi che senza paura e senza sudditanza hanno sbaragliato tutti gli avversari più maturi ed esperti di loro.Fortissima l’emozione nel proclamare

 

 

Mirco Faggioli tredicenne della asd Romagna Fishing Campione Italiano,

Nicholas Bradaschia quindicenne della A.s.d. Montello 2° Classificato e il coetaneo

Pietro di Giustino dell’A.s.d. Teramo Spinning terzo classificato.

Campionato Italiano a Box di pesca in Fiume 2017

Campionato Italiano a Box di pesca in Fiume 2017

 

Il Campionato Italiano a Box di pesca in Fiume con la

prima prova del 2 luglio nel fiume Metauro e la

seconda prova nel fiume Bidente il 1° ottobre, ha chiuso i battenti.

Con 45 squadre iscritte (da 5 concorrenti per ogni squadra, totale 225 presenze) per ogni prova e i campi gara al limite della capienza ci danno la dimensione esatta della manifestazione.

Questo ci fa capire quanto questa specialità , negli anni, sia sempre più sentita, seguita e praticata. In”assetto dinamico” si insidiano in prevalenza numerosi cavedani e barbi, anche di grosse taglie, a galla e in passata,in fiumi appenninici a

carattere torrentizio con limitate portate d’acqua, e forse senza presunzione , la madre di tutte le pesche

praticate in acque dolci.

Campionato Italiano a Box di pesca in Fiume

IL Podio:

Al primo posto la squadra B della società Le Aquile di Forlimpopoli   

Al secondo la squadra A della società Club Pescatori Valle Savio di Cesena

Al terzo la squadra C della società Pesca Sport Gambettolese di Gambettola

LA CLASSIFICA FINALE –> https://Classifica

con il giudice di gara Berti Fiorenzo

arrivederci alla edizione 2018

 

Campionato italiano a coppie di pesca in fiume 2017

Campionato italiano a coppie di pesca in fiume 2017

Con la seconda prova nel Bidente Domenica 30 luglio 2017 si è concluso il Campionato Italiano a Coppie di pesca in Fiume. La manifestazione partita con la prima prova nel fiume Metauro il 18 giugno 2017 ha decretato il seguente podio:

1° coppia classificata  Pellacani Giuseppe/Pieri Ruggero       lenza Forlivese Maver

2° coppia classificata  Progressi Claudio/Simoncelli Davide  lenza club l’Airone Tubertini

3° coppia classificata  Loreti Massimo/Cenerelli Giovanni     lenza club l’Airone Tubertini.

Campionato italiano a coppie di pesca in fiume 2017premiazione Campionato italiano a coppie di pesca in fiume 2017

alcuni momenti della  Cerimonia delle Premiazioni

nella foto con il

Giudice di Gara: Berti Fiorenzo
premiazione Campionato italiano a coppie di pesca in fiume 2017

 

 

 

 

 

appena premiati si

preparano  all’Inno Nazionale

 

Al prossimo anno !!!

 

Campionato italiano individuale di pesca in fiume 2017

 Campionato Italiano Individuale di Pesca in Fiume 2017

 

Campionato italiano individuale di pesca in fiume 2017

Dopo la sospensione adottata dalla Fipsas per la salvaguardia della fauna ittica messa in pericolo dal perdurare del caldo intenso e il basso livello delle acque, Il fiume Bidente, dopo le recenti piogge è tornato ai suoi momenti migliori permettendo così la ripresa delle manifestazioni in calendario.

L’appuntamento era per il 24 settembre con la seconda prova del Campionato Italiano Individuale di Pesca in Fiume 2017 che si è svolto regolarmente.

Il fiume Bidente come sempre non si è smentito e ha regalato ai partecipanti livelli di catture altissimi che, è bene ricordarlo, sono state tutte rilasciate a fine manifestazione laddove sono state pescate.

La manifestazione, che si è svolta in 2 prove, la prima nel fiume Bisenzio a Prato il 13 maggio 2017 e la seconda appunto il 24 settembre 2017 nel fiume Bidente ha decretato il seguente podio:

1° Classificato  Davide Simoncelli     lenza club l ‘Airone Tubertini

2° Classificato  Stefano Tomassetti   lenza club l ‘Airone Tubertini

3° Classificato  Gilberto Amadori      le Aquile  Colmic

premiazione campionato individuale pesca in fiume 2017

 

 

 

 

 

 

i momenti salienti

                     

                            della cerimonia

                                         

                                                                                                                                                 delle premiazioni

 

 

premiazione campionato individuale pesca in fiume 2017

 

 

 

 

 

 

 

qui con il giudice di gara 

Berti Fiorenzo

 

la classifica:   https://app.box.com/s/g4yhrgh3txj7btyokfldl2q7as34gkxb                        

             Appuntamento alla edizione 2018  !!!!

Pulizia del fiume

pulizia del fiume

pulizia del fiume 1

 Pulizia del Fiume Bidente

 

La Fipsas di Forlì – Cesena si è mobilitata domenica scorsa con un intervento mirato alla raccolta di rifiuti abbandonati nel fiume Bidente.

 

Perlustrando l’alveo a

Castagnolo,

da monte a valle del centro abitato di Cusercoli, e a Ricò, tutte zone molto frequentate da pescatori amatoriali e sportivi.        

pulizia del fiume 3Attrezzati di sacchi guanti e stivali adeguati gli uomini della Federazione hanno raccolto di tutto:

sedie, un materasso, rotoli di siepe in ferro, lattine, barattoli, bottiglie e sacchetti di

plastica, un lettino, contenitori in plastica macerie e da ultimo una discarica a cielo aperto di

ramaglie e macerie e residui da lavori edilizi attigua al parco di Cusercoli.

pulizia fiume 2

Alcuni degli uomini che hanno partecipato

 

pulizia del fiume 4

 

 

 

 

 

 

Le foto che documentano quanto è stato fatto sono eloquenti


rifiuti edilizia

 

 

 

La Fipsas invita i frequentatori abituali e non dei fiumi,

nonché i cittadini, a non gettare o

abbandonare rifiuti lungo il fiume contribuendo

cosi a mantenere un

ambiente pulito e decoroso.     

 

Inoltre, a valle di Cusercoli, e

precisamente a fianco del parco, sono

state viste e segnalate due prese di

attingimento acqua in uso, senza nessuna

tabella di autorizzazione e di riconoscimento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

– gli attingimenti –

 

attingimento dal fiume non autorizzato 1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Recupero di pesci in difficoltà al ponte dei Frati a San Piero in Bagno

Recupero pesci in difficoltà nel fiume Savio a San Piero in Bagno 29 agosto 2017

pesci in difficoltà 2

Anche stamattina gli uomini della Fipsas e Aics sono intervenuti su ennesima segnalazione della Forestale e Funzionari della Regione Emilia Romagna, chiamati ad effettuare un intervento di recupero pesci in difficoltà nel fiume Savio a San Piero in Bagno al ponte dei frati, sono stati salvati circa 40 kg. di cavedani di piccola e media taglia e diversi cobiti poi reimmessi più a valle a monte dell’abitato di Mercato Saraceno dove c’è acqua a sufficienza per la sopravvivenza.

I pesci in quella zona vanno in difficoltà, soprattutto per scarichi fognari e prelievi importanti di acqua dal fiume, già con scarsa portata per la siccità, effettuati a singhiozzo.

Questo lo si può vedere ogni giorno, osservando il fiume a monte del Ponte dei Frati, al mattino presto, quando il livello si presenta più basso di oltre 10 centimetri rispetto alla massicciata delle fondamenta del ponte, mentre due ore dopo, il livello si alza e tracima seppur lentamente.

A monte del ponte non ci sono dighe che movimentano, quindi il fenomeno si spiega con prelievi di acqua.

Sospensione delle attività agonistiche

Sospensione gare 

La F.I.P.S.A.S. (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee) nella riunione del proprio Direttivo Sportivo del 23 agosto 2017 ha deliberato la temporanea sospensione delle attività agonistiche in Provincia di Forlì–Cesena, precisando altresì che i fiumi Bidente e Savio, nei tratti adibiti a campi gara dalla Regione Emilia Romagna non presentano situazioni critiche legate alla carenza di piogge e tanto meno morie di ittiofauna conclamate o in atto.

sospensione delle attività agonistiche

La federazione sottolinea che, la sospensione delle attività agonistiche, rappresenta un ulteriore  atto responsabile di civiltà, rispetto e conservazione dell’ambiente che da sempre la contraddistingue.

Infatti, le attività che svolge in quella direzione, anche in collaborazione con l’Aics pesca, sono:

  • – interventi di recupero di pesci in difficoltà
  • – interventi di monitoraggio dei corsi d’acqua
  • – segnalazioni agli organi competenti di inquinamenti
  • – interventi non autorizzati in alveo
  • – interventi per prelievi abusivi di acque
  • – immissioni e ripopolamenti finalizzati alla pesca ricreativa e amatoriale per tutti i cittadini in possesso di regolare licenza di pesca
  • – attività di vigilanza e manutenzione delle segnaletiche di riferimento

il tutto grazie al volontariato dei propri associati, e da quest’anno senza alcun tipo convenzione con gli enti preposti.

I casi di moria dei pesci verificatosi durante le settimane scorse sono avvenuti nei canali di derivazione:

  • – di via Firenze dal Fiume Montone,
  • – di via dell’Appennino dal Fiume Rabbi
  • – il Canale Doria a Meldola dal Fiume Bidente,

adibiti ad attività private e opportunamente chiusi allo scattare dell’ordinanza dell’ Arpae di divieto di prelievi idrici.

Siccità - sospensione gare

La Federazione ritiene opportuno adottare questo provvedimento almeno fino a quando non ci sarà una sostanziale variazione delle condizioni climatiche e dei corsi d’acqua

Foto tratte da Google Immagini